Infortunio con auto o moto: risarcimento incidente stradale e problemi psicologici da risolvere

By | 12 Settembre 2018

Coloro che subiscono un incidente stradale, sia che fossero alla guida della loro auto, sia che fossero invece alla guida di una moto o di uno scooter, possono incorrere in molte diverse tipologie di conseguenze. La prima conseguenza che a tutti voi che ci state leggendo è venuta sicuramente in mente, è un infortunio di tipo fisico. Nel caso di problemi di lieve entità, come ad esempio la frattura composta di un osso, una lussazione, graffi, ematomi e bruciature lievi, non possiamo di certo affermare che si tratti di un problema grave, infortunio che infatti nel giro di poche settimane appena scompare, lasciando posto ad un rinnovato senso di benessere.

Nel caso di problemi di entità un po’ più complessa, è possibile che vi siano delle invalidità permanenti. Si tratta di invalidità pur sempre piccole ma molto fastidiose che possono comportare dolore, incapacità a svolgere alcuni movimenti e alcune attività, inabilità al lavoro, necessità di sottoporsi ad interventi chirurgici anche numerosi, anche a distanza di anni. Nel caso di lesioni di questa tipologia è bene chiedere un risarcimento incidente stradale che possa portare giustizia laddove voi non siete stati i diretti responsabili dell’accaduto e che possa garantirvi un sostegno economico adeguato alla vostra condizione, che può esservi utile nel vostro quotidiano e per sostenere spese mediche, riabilitative e simili.

Oltre a questa tipologia di conseguenza, oltre quindi alle problematiche fisiche in cui è possibile incorrere, è molto importante prendere in considerazione anche i problemi psicologici che possono essere connessi ad un incidente stradale. Prima di tutto, una condizione di shock che è più che naturale, con magari anche perdita di memoria, incapacità a concentrarsi adeguatamente sulle proprie attività quotidiane, senso di stanchezza e spossatezza. Poi può nascere una paura davvero intenso per la strada, con il rifiuto a montare su qualsiasi mezzo su ruote, con il rifiuti a guidare di nuovo, con una vera e propria fobia che si scatena ogni qual volta si sente lo stridio delle gomme di un’auto oppure una frenata brusca. Alcune persone possono persino arrivare ad isolarsi, a sentirsi come ferite nel profondo da quanto accaduto.

Anche in questi casi è possibile richiedere un risarcimento, ma è bene ricordare che non sempre è semplice trovare un giudice che riesca a garantirlo, perché si tratta di un dato piuttosto soggettivo, di sicuro non facilmente accertabile come lo è una lesione di tipo fisico. Vi consigliamo sempre comunque, al di là del possibile risarcimento, di andare alla ricerca di un valido supporto psicologico che vi consenta di risollevarvi da questa situazione, di inquadrarla dalla giusta prospettiva, di eliminare ogni timore, ogni paura, ogni senso di oppressione e tornare a prendere insomma in mano le redine della propria vita quotidiana senza alcun tipo di difficoltà.

Per fortuna sono oggi disponibili alcune realtà che offrono supporto psicologico, supporto economico, supporto legale e perizie per poter ottenere un risarcimento a titolo del tutto gratuito. Vinta la causa in tribunale, la compagnia assicurativa del responsabile dell’accaduto si farà carico di pagare tutte le parcelle dei professionisti che sono scesi in campo per aiutarvi e di coprire ogni spesa che sia stata sostenuta sino a quel momento.